Gaetana Russo

Gaetana Russo è professore associato di Criminologia e Difesa sociale presso l’Università di Messina.
Dopo la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina, si è specializzata in Criminologia Clinica e Psichiatria Forense presso l’Università degli Studi di Roma nel 1977 col massimo dei voti e la lode.

Ha iniziato la sua attività presso l’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Messina a far data dal 1975 e dal 1984 è professore associato di Criminologia e Difesa sociale presso la stessa Università.

Nel 1987 ha usufruito di una Borsa di Studio del Consiglio d’Europa per una ricerca sulla tutela giuridica vigente in Gran Bretagna nei confronti dei malati di mente autori di reato, ricerca che ha effettuato presso il Centre for Criminological Research dell’Università di Oxford diretto dal Prof. R. Hood.
Dall’anno accademico 1997-98 all’anno accademico 2009-20010 ha diretto il Corso di Perfezionamento in Criminologia istituito presso l’Università di Messina.

E’ direttore del Master di II livello in Criminologia istituito presso l’Università di Messina .

Presso lo stesso Ateneo svolge attività didattica nell’ambito del Corso integrato di Medicina Legale e presso diverse Scuole di Specializzazione della stessa Facoltà .

Ha esercitato attività di consulenza criminologica per conto del Ministero della Giustizia, dal giugno 1978 al luglio 2008.

La sua attività scientifica, tutta di interesse criminologico, si è sviluppata attraverso ricerche (alcune di rilievo internazionale), condotte prevalentemente con metodologie empiriche, riguardanti prevalentemente gli omicidi familiari , i rapporti tra disturbi psichici e criminalità , il controllo sociale del malato di mente, la donna come autrice e vittima di atti devianti, alcune problematiche del settore penitenziario (con particolare riferimento alla donna detenuta ed internata), lo stupro ed i delitti sessuali in genere, il suicidio, l’omicidio, le problematiche normative e criminologiche delle tossicodipendenze ed i rapporti tra droga e criminalità, la devianza e la legislazione minorile, la prevenzione nei contesti extra-giudiziari e le infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia legale.